News
Il festival delle fesserie. Il recupero del bonus Renzi non è credito di imposta per i datori di lavoro
copertina 05 maggio 2017 - a cura di Redazione

Tutto quello che non serve al nostro paese ed alle nostre aziende e che invece viene inutilmente proposto

In questi giorni, noi consulenti del lavoro, ci siamo accorti, nostro malgrado, di un'altra “piccola” norma scritta male e per alcuni versi, interpretata peggio ed in modo illogico. Infatti, l’art. 3 comma 3 del dl 50/2017 cosiddetta “manovrina” ha modificato l’art. 37 comma 49 bis del dl 223/2006 che estendeva l’obbligo di presentazione telematica della delega a tutti i titolare di partita iva che utilizzano in f24 un credito relativo a (così come riportato fedelmente nella legge):

  • IMPOSTE SUI REDDITI E RELATIVE ADDIZIONALI;
     
  • ALLE RITENUTE ALLA FONTE;
     
  • ALLE IMPOSTE SOSTITUTIVE DELLE IMPOSTE SUL REDDITO;
     
  • ALL’IMPOSTA REGIONALE SULLE ATTIVITA’ PRODUTTIVE;
     
  • AI CREDITI D’IMPOSTA DA INDICARE NEL QUADRO RU DELLA DICHIARAZIONE DEI REDDITI”.
     

Una norma di tale tenore letterale, a persone normali, non farebbe mai venire in mente il dubbio che il recupero della maggiore detrazione erogata in ragione del “BONUS RENZI”, possa avere natura di credito d’imposta o possa essere classificato come recupero d’imposta in capo all’impresa e conseguentemente rientrare tra le tipologie esposte nel comma 3.

È logico ed appare evidente che sia la finalità della disposizione legata alla riduzione del cuneo fiscale (bonus), sia la natura del credito riconosciuto, in nessun modo possono essere ricondotti ad una definizione di “credito derivante da imposta erariale”. Infatti unica coincidenza potrebbe, assurdamente, essere rappresentata dal fatto che nell’esposizione in F24 il codice di recupero di quanto l’impresa ha anticipato ai lavoratori a titolo di Bonus, è indicato nella colonna delle voci a credito.

Nella definizione di imposte erariali sono state comprese, nel tempo e con le circolari n. 4/2011-13/2011 le imposte dirette, l’Iva e le altre imposte indirette, nonché IRAP e addizionali regionali e comunali.

Questa tesi viene ripresa anche nella circolare n. 14 del 20/6/2014 della Fondazione Studi CNO Consulenti del Lavoro, dove si afferma che è possibile recuperare tale credito anche in presenza in capo all’azienda di cartelle esattoriali superiori ad €1.500,00, possibilità esclusa a tutti i recuperi di crediti di natura erariale.

Nei fatti, il Ministero delle finanze inserisce detto importo nel novero delle detrazioni d’imposta previste all’art. 13 del DPR 917/86 al comma 1 bis, quindi classificandolo come detrazione, ma definendolo quale credito si genera solo confusione perché in effetti è un sussidio volto a inserire nel netto della busta paga dei lavoratori quanto, all’epoca, promesso dal Presidente del Consiglio.

Inoltre l’agenzia delle entrate con la risoluzione 48/e -2014 ha istituito per l’esposizione a credito di tale importo il codice tributo 1655 denominandolo: RECUPERO DA PARTE DEI SOSTITUTI D’IMPOSTA con evidente cambiamento di scenario.

In conclusione, si attende un chiarimento del Ministero e dall’Agenzia delle Entrate, che oltre a spostare la decorrenza al prossimo primo giugno, non potrà che sostenere che il gli importi anticipati per erogazione Bonus Renzi, visto quanto illustrato sopra, non rappresentano sicuramente un credito erariale e quindi non dovrà essere imposto per l’esposizione in compensazione, l’obbligo di invio telematico del modello f24.

Luigi Sabatini – Presidente Collegio Nazionale Revisori ANCLSU

Condividi
Array
(
    [USER] => anclsu-com
    [HOME] => /var/www/vhosts/anclsu.com
    [FCGI_ROLE] => RESPONDER
    [REDIRECT_REDIRECT_REDIRECT_UNIQUE_ID] => WSjmUA5sh8yBPVchpTSbRwAAAMY
    [REDIRECT_REDIRECT_REDIRECT_SCRIPT_URL] => /news/item/17519/
    [REDIRECT_REDIRECT_REDIRECT_SCRIPT_URI] => http://anclsu.com/news/item/17519/
    [REDIRECT_REDIRECT_REDIRECT_STATUS] => 200
    [REDIRECT_REDIRECT_UNIQUE_ID] => WSjmUA5sh8yBPVchpTSbRwAAAMY
    [REDIRECT_REDIRECT_SCRIPT_URL] => /news/item/17519/
    [REDIRECT_REDIRECT_SCRIPT_URI] => http://anclsu.com/news/item/17519/
    [REDIRECT_REDIRECT_STATUS] => 200
    [REDIRECT_UNIQUE_ID] => WSjmUA5sh8yBPVchpTSbRwAAAMY
    [REDIRECT_SCRIPT_URL] => /news/item/17519/
    [REDIRECT_SCRIPT_URI] => http://anclsu.com/news/item/17519/
    [REDIRECT_STATUS] => 200
    [UNIQUE_ID] => WSjmUA5sh8yBPVchpTSbRwAAAMY
    [SCRIPT_URL] => /news/item/17519/
    [SCRIPT_URI] => http://anclsu.com/news/item/17519/
    [proxy-nokeepalive] => 1
    [HTTP_HOST] => anclsu.com
    [HTTP_X_REAL_IP] => 54.224.184.185
    [HTTP_X_ACCEL_INTERNAL] => /internal-nginx-static-location
    [HTTP_CONNECTION] => close
    [HTTP_ACCEPT_ENCODING] => x-gzip, gzip, deflate
    [HTTP_USER_AGENT] => CCBot/2.0 (http://commoncrawl.org/faq/)
    [HTTP_ACCEPT] => text/html,application/xhtml+xml,application/xml;q=0.9,*/*;q=0.8
    [PATH] => /usr/local/sbin:/usr/local/bin:/usr/sbin:/usr/bin
    [SERVER_SIGNATURE] => 
    [SERVER_SOFTWARE] => Apache
    [SERVER_NAME] => anclsu.com
    [SERVER_ADDR] => 176.227.172.127
    [SERVER_PORT] => 80
    [REMOTE_ADDR] => 54.224.184.185
    [DOCUMENT_ROOT] => /var/www/vhosts/anclsu.com/httpdocs
    [REQUEST_SCHEME] => http
    [CONTEXT_PREFIX] => 
    [CONTEXT_DOCUMENT_ROOT] => /var/www/vhosts/anclsu.com/httpdocs
    [SERVER_ADMIN] => lacatena@solcom.it
    [SCRIPT_FILENAME] => /var/www/vhosts/anclsu.com/httpdocs/www/viewnews.php
    [REMOTE_PORT] => 41912
    [REDIRECT_QUERY_STRING] => id=17519
    [REDIRECT_URL] => /viewnews.php
    [GATEWAY_INTERFACE] => CGI/1.1
    [SERVER_PROTOCOL] => HTTP/1.0
    [REQUEST_METHOD] => GET
    [QUERY_STRING] => id=17519
    [REQUEST_URI] => /news/item/17519/
    [SCRIPT_NAME] => /www/viewnews.php
    [PHP_SELF] => /www/viewnews.php
    [REQUEST_TIME_FLOAT] => 1495852624.2337
    [REQUEST_TIME] => 1495852624
)
1
;