Quesiti
SCATTI ANZIANITA' APPRENDISTI
29 gennaio 2018 - COMMERCIO - CCNL applicato:TERZIARIO CONFCOMMERCIO

Buongiorno,

con la presente chiediamo se sia corretta l'interpretazione del CCNL in oggetto (Terziario Confcommercio) in merito all'applicazione degli scatti di anzianità al personale apprendista con decorrenza dalla data di assunzione (e non dalla data di qualifica conseguita al termine dell'apprendistato stesso).

Grazie

Soluzione proposta:

Il CCNL Terziario Confcommercio all'articolo 192 recita "Per l'anzianità di servizio maturata presso la stessa azienda o gruppo aziendale (intendendosi per tale il complesso commerciale facente capo alla stessa società) il personale ha diritto a dieci scatti triennali. Ai fini della maturazione degli scatti, l'anzianità di servizio decorre dalla data di assunzione per tutto il personale assunto a partire dalla data di entrata in vigore del c.c.n.l. 28 marzo 1987".

Il personale apprendista, a causa della natura bifasica del contratto stesso (lavoro + formazione), prevede già un aumento progressivo di retribuzione legato all'anzianità che decorre con lo svolgimento dell'apprendistato stesso.

In aggiunta a ciò ha assunto l'apprendistato ha raggiunto la definizione di contratto a tempo indeterminato solo a seguito dell'entrata in vigore del T.U. (D.Lgs 167/2011).

Riteniamo infine che quando i CCNL hanno inteso considerare l'istituto degli scatti valevole anche per il personale apprendista lo hanno dichiarato esplicitamente all'interno del CCNL stesso.

Riteniamo pertanto che si possa far decorrere l'anzianità del lavoratore dalla data della sua qualifica (eventuale) al termine dell'apprendistato, in particolare per quei lavoratori assunti antecedentemente al D.Lgs. 167/2011.

Grazie della collaborazione

Risponde l'esperto:

Il quesito riguarda l’anzianità di servizio utile ai fini della maturazione degli scatti di anzianità in caso di assunzione con contratto di apprendistato; in particolar modo, si chiede se l’anzianità aziendale utile al calcolo dello scatto di anzianità decorra dalla data di assunzione con contratto di apprendistato o dalla data della eventuale qualifica al termine del rapporto stesso. Il datore di lavoro applica il c.c.n.l. Terziario Confcommercio.

Si premette che la disciplina contrattuale relativa all’apprendistato per il c.c.n.l. Terziario Confcommercio è contenuta al Capo II (apprendistato); disciplina contrattuale che, a differenza di altri contratti collettivi, nulla specifica con riferimento all’anzianità di servizio e agli scatti di anzianità per l’apprendista. È inoltre lo stesso contratto collettivo, all’art. 23, a rinviare alle disposizioni normative e alle disciplina contrattuale generale del contratto per quanto non specificatamente indicato in tale capo (cfr. art. 23, secondo cui “per quanto non disciplinato dal presente accordo le parti fanno espresso riferimento alle disposizioni di legge vigenti in materia ed alle previsioni contenute nella disciplina contrattuale nazionale del Terziario”).

Si ritiene pertanto che, con riferimento alla data di decorrenza dell’anzianità di servizio ai fini dello scatto di anzianità per l’apprendista, si debba fare riferimento al contenuto degli articoli 190 e 192 del c.c.n.l. Terziario Confcommercio.

L’art. 190 regolamenta il concetto di anzianità di servizio, stabilendo che la stessa “decorre dal giorno in cui il lavoratore è entrato a far parte dell’azienda, quali che siano le mansioni ad esso affidate. Sono fatti salvi criteri diversi di decorrenza dell’anzianità espressamente previsti per singoli istituti contrattuali, ai fini della maturazione dei relativi diritti.”

L’articolo 192 disciplina, invece, l’istituto contrattuale dello scatto di anzianità, stabilendo che ”per l’anzianità di servizio maturata presso la stessa azienda o gruppo aziendale (intendendosi per tale il complesso commerciale facente capo alla stessa società) il personale ha diritto a dieci scatti triennali. Ai fini della maturazione degli scatti, l’anzianità di servizio decorre: a) dalla data di assunzione per tutto il personale assunto a partire dalla data di entrata in vigore del CCNL 28/3/1987”.

Dalla lettura e analisi combinata degli articoli emerge che nessun particolare criterio diverso di decorrenza dell’anzianità viene espressamente previsto per l’apprendistato e pertanto si ritiene che l’anzianità di servizio utile per la maturazione sia dal giorno in cui il lavoratore è entrato a far parte dell’azienda e pertanto la data di prima assunzione, ovvero la data di assunzione con contratto di apprendistato, indipendentemente dal fatto che il contratto sia stato stipulato prima dell’entrata in vigore del D.lgs. n. 81/2015.

Non essendo previste infatti specifiche diverse disposizioni nelle norme inerenti la regolamentazione contrattuale dell’apprendistato, il corretto metodo di calcolo degli scatti di anzianità è quello che contempla la decorrenza dell’anzianità di servizio dalla data di assunzione.

Da ultimo, per citazione e non per importanza, si segnala che con la sentenza n. 20074 del 23 settembre 2010, le Sezioni Unite della Corte di Cassazione hanno risolto il contrasto circa il computo dell’anzianità di servizio maturata durante la formazione.

La Suprema Corte ha affermato che il contratto collettivo potrebbe anche non prevedere l’istituto degli scatti di anzianità ma, se lo include, la progressione degli aumenti retributivi automatici deve comprendere anche il periodo lavorativo trascorso con la formazione (contratto di formazione lavoro, apprendistato e contratto di inserimento), atteso che il lavoratore non può essere penalizzato in conseguenza del fatto che un periodo della sua anzianità è riferibile ad una esperienza lavorativa aziendale.