Il Consulente 1081
Accesso alla documentazione ispettiva: ok per gli ex dipendenti
1081 numero 10 anno 2016 - news a cura di Renzo La Costa

Accesso alla documentazione ispettiva: ok per gli ex dipendenti

Va consentito l’accesso alle dichiarazioni dei lavoratori rese nel corso di una visita ispettiva, se questi non sono più dipendenti del datore di lavoro. Questa in sintesi la conclusione cui perviene il Consiglio di Stato in sentenza nr. 1835/2016.

Il ricorso era stato formulato da una società avverso la sentenza del Tar concernente il diniego all’accesso ai documenti relativi alle dichiarazioni raccolte da funzionari della DTL . Hanno osservato i Giudici che nella fattispecie non vi sono più rapporti di lavoro in atto tra i lavoratori che hanno reso le dichiarazioni raccolte in sede ispettiva e la società che ha chiesto l’accesso ai relativi verbali.

Risultano, infatti, pacifiche – nel caso in questione - le seguenti circostanze di fatto:

- le dichiarazioni di cui si controverte sono state rese in occasione di accessi ispettivi compiuti da funzionari della Direzione Territoriale del Lavoro in occasione di una manifestazione;

- tutti i lavoratori impiegati presso la manifestazione e coinvolti nella vicenda che qui rileva e che hanno reso le loro dichiarazioni ai funzionari ispettivi sono cessati al termine della manifestazione medesima ;

- non risultano essere stati successivamente instaurati con i medesimi lavoratori rapporti di lavoro subordinato o parasubordinato.

In tale contesto – prosegue la sentenza -  non esistendo più un rapporto di lavoro in atto, e considerato anche che le dichiarazioni controverse risalgono a più di tre anni fa, non risulta giustificato invocare la prevalenza delle esigenze di riservatezza del lavoratore rispetto al diritto di difesa di chi ha presentato la richiesta di accesso.

Tale prevalenza non può fondarsi né sul d.m. 757/1994 (atteso che l’art. 3 del medesimo d.m. nel disciplinare la durata del divieto di accesso lo delimita finché perduri il rapporto di lavoro), né sull’art. 8 dello Statuto dei lavoratori, che pure si applica, come emerge dal suo tenore letterale, o in fase di assunzione o durante o svolgimento del rapporto di lavoro, ma non quando esso sia cessato.

L’assenza di un rapporto di lavoro attuale rende, pertanto, il bilanciamento tra accesso e riservatezza sottoposto alla regola generale desumibile dall’art. 24, comma 7, legge n. 241 del 1990 che segna la prevalenza dell’accesso strumentale all’esercizio del diritto di difesa.

Va aggiunto che nel caso di specie non vengono in rilievo dati sensibili o giudiziari ma semplicemente dati personali: non vi era quindi l’onere in capo alla società istante di provare l’indispensabilità dell’accesso ai fini della difesa giudizio. Risulta, a maggior ragione, privo di giustificazione l’oscuramento dei nominativi di quei soggetti non sentiti dai funzionari ispettivi, ma identificati nelle dichiarazioni rese dai lavoratori sentiti come persone aventi un ruolo di coordinamento e di controllo. Rispetto a questi ultimi (che non hanno reso le dichiarazioni “dilatorie”) non sussiste alcun pericolo di ritorsione da parte del datore di lavoro.

L’appello in conclusione è stato essere accolto e, per l’effetto, in riforma della sentenza appellata, si è ordinata l’ostensione integrale dei documenti richiesti, e senza oscuramenti.

Condividi
Array
(
    [USER] => anclsu-com
    [HOME] => /var/www/vhosts/anclsu.com
    [FCGI_ROLE] => RESPONDER
    [REDIRECT_REDIRECT_REDIRECT_UNIQUE_ID] => Xv30B2TL7jw3TaJKVBJBCgAAARc
    [REDIRECT_REDIRECT_REDIRECT_SCRIPT_URL] => /milleottantuno/leggi/ancl-avanti-cosi/3
    [REDIRECT_REDIRECT_REDIRECT_SCRIPT_URI] => https://anclsu.com/milleottantuno/leggi/ancl-avanti-cosi/3
    [REDIRECT_REDIRECT_REDIRECT_HTTPS] => on
    [REDIRECT_REDIRECT_REDIRECT_STATUS] => 200
    [REDIRECT_REDIRECT_UNIQUE_ID] => Xv30B2TL7jw3TaJKVBJBCgAAARc
    [REDIRECT_REDIRECT_SCRIPT_URL] => /milleottantuno/leggi/ancl-avanti-cosi/3
    [REDIRECT_REDIRECT_SCRIPT_URI] => https://anclsu.com/milleottantuno/leggi/ancl-avanti-cosi/3
    [REDIRECT_REDIRECT_HTTPS] => on
    [REDIRECT_REDIRECT_STATUS] => 200
    [REDIRECT_UNIQUE_ID] => Xv30B2TL7jw3TaJKVBJBCgAAARc
    [REDIRECT_SCRIPT_URL] => /milleottantuno/leggi/ancl-avanti-cosi/3
    [REDIRECT_SCRIPT_URI] => https://anclsu.com/milleottantuno/leggi/ancl-avanti-cosi/3
    [REDIRECT_HTTPS] => on
    [REDIRECT_STATUS] => 200
    [UNIQUE_ID] => Xv30B2TL7jw3TaJKVBJBCgAAARc
    [SCRIPT_URL] => /milleottantuno/leggi/ancl-avanti-cosi/3
    [SCRIPT_URI] => https://anclsu.com/milleottantuno/leggi/ancl-avanti-cosi/3
    [HTTPS] => on
    [proxy-nokeepalive] => 1
    [HTTP_HOST] => anclsu.com
    [HTTP_X_REAL_IP] => 3.236.15.246
    [HTTP_X_ACCEL_INTERNAL] => /internal-nginx-static-location
    [HTTP_CONNECTION] => close
    [HTTP_USER_AGENT] => CCBot/2.0 (https://commoncrawl.org/faq/)
    [HTTP_ACCEPT] => text/html,application/xhtml+xml,application/xml;q=0.9,*/*;q=0.8
    [HTTP_ACCEPT_LANGUAGE] => en-US,en;q=0.5
    [HTTP_ACCEPT_ENCODING] => br,gzip
    [PATH] => /usr/local/sbin:/usr/local/bin:/usr/sbin:/usr/bin
    [SERVER_SIGNATURE] => 
    [SERVER_SOFTWARE] => Apache
    [SERVER_NAME] => anclsu.com
    [SERVER_ADDR] => 176.227.172.127
    [SERVER_PORT] => 443
    [REMOTE_ADDR] => 3.236.15.246
    [DOCUMENT_ROOT] => /var/www/vhosts/anclsu.com/httpdocs
    [REQUEST_SCHEME] => https
    [CONTEXT_PREFIX] => 
    [CONTEXT_DOCUMENT_ROOT] => /var/www/vhosts/anclsu.com/httpdocs
    [SERVER_ADMIN] => root@localhost
    [SCRIPT_FILENAME] => /var/www/vhosts/anclsu.com/httpdocs/www/capitoli1081.php
    [REMOTE_PORT] => 52814
    [REDIRECT_QUERY_STRING] => title=ancl-avanti-cosi&page=3
    [REDIRECT_URL] => /capitoli1081.php
    [GATEWAY_INTERFACE] => CGI/1.1
    [SERVER_PROTOCOL] => HTTP/1.0
    [REQUEST_METHOD] => GET
    [QUERY_STRING] => title=ancl-avanti-cosi&page=3
    [REQUEST_URI] => /milleottantuno/leggi/ancl-avanti-cosi/3
    [SCRIPT_NAME] => /www/capitoli1081.php
    [PHP_SELF] => /www/capitoli1081.php
    [REQUEST_TIME_FLOAT] => 1593701383.2143
    [REQUEST_TIME] => 1593701383
)
1
;